lunedì 30 luglio 2012

OLEOLITI

A sinistra oleolito di iperico, a destra oleolito di calendula

Gli oleoliti sono estratti di piante in olio. Il metodo più semplice per produrli è mettendo la pianta fresca o secca ricoperta di olio extravergine di oliva a macerare al sole.
Io ho iniziato a produrre gli oleoliti un paio di anni fa, quando mi sono resa conto che intorno a casa mia cresceva spontanea la calendula, poi l'anno scorso, ho prodotto l'oleolito di rosmarino ed infine, quest'anno, ho provato anche con l'iperico e la lavanda, che ancora sta macerando.
Il principio generale è molto semplice, con la macerazione in olio si estraggono le componenti liposolubili contenute nelle piante. L'olio ottenuto si usa tale e quale massaggiato sulla pelle oppure come base per altre preparazioni cosmetiche.
Io,in genre, procedo così:

Materiali necessari

pianta fresca (fiori di calendula, iperico o altro)
vaso di vetro pulito con tappo a vite
olio extravergine di oliva 3 volte il peso della pianta
alcool etilico

Procedimento

Per le piante che contengono molta acqua, come la calendula, è necessario fare asciugare un poco i fiori prima di coprirli con l'olio. Poi metto i fiori nel vaso stipandoli bene,li spruzzo con alcool etilico e poi li copro con l'olio extravergine d'oliva. Per 100 gr di pianta servono 300 gr di olio. Questo come regola generale,ma spesso non riesco a coprire bene i fiori con questa quantità di olio, quindi ne aggiungo ancora un poco se vedo che i fiori non sono ben coperti. A questo punto chiudo il barattolo e lo espongo al soleeffettivo per 40 giorni. Quindi se per caso per qualche giorno è nuvolo, i tempi di macerazione si allungano! Finita la macerazione filtro l'olio e cerco di spremere per bene i fiori rimanenti, con una specie di torchiatura (ma io il torchio non ce l'ho) e poi conservo l'oleolito ottenuto in flaconi di vetro scuro. 

Le notizie sulla preparazione e l'utilizzo degli oleoliti le ho prese in parte da due utili pubblicazioni di Hubert Bosch e Lucilla Satanassi: Il "Manuale di fiori ed erbe" Humus Edizioni e " Petali e rugiada, 1°petalo" sempre di Humus Edizioni

Nessun commento:

Posta un commento